Emilio Isgrò
Arnaldus, 1973
china su carta e plexiglass, 46,5 × 62 × 5,5 cm

La stesura monocroma su tavola in Isgrò serve a dar vita ad un paradosso, in linea con la critica che l’artista muove al linguaggio e alla sua capacità di comunicazione. Dopo i testi cancellati, dove solo alcune parole lasciate leggibili fornivano la chiave interpretativa dell’atto, e altrericerche avvicinabili alla Poesia Visiva (se ne trovano esemplari nelle opere donate a Pomodoro dall’artista, come Arnaldus e Open Up Arnaldo, segno del loro lungo e stretto legame d’amicizia), Isgrò negli anni Settanta si avvicina alle ricerche concettuali saggiando il potenziale comunicativo del rapporto fra parola e immagine, che l’opera s’ingegna di decostruire ironicamente.

da: Fondazione Arnaldo Pomodoro. La Collezione permanente, catalogo della mostra, a cura di G. Verzotti, A. Vettese, Milano, Skira, 2007, p. 175

The Secular Society Assic. Teglio di Paola Teglio e C. Snc Giuseppe Fontana Parco Termale Negombo – Ischia Fondazione Bracco Marmi Lanza Srl hanno già scelto di sostenere la Fondazione

icon-angle icon-bars icon-times