Potrebbe interessarti

Share

Arnaldo Pomodoro
Senza titolo, 1957
acquerello e inchiostro, 48 × 65,5 cm

Ho raggiunto – dichiara Arnaldo Pomodoro – una massima consapevolezza nelle mie operazioni mentali su sferoidi e cilindri, per la quale ritengo che, nel corso che va dalla corrosione alla spaccatura e al foro, si arriva nella mia “ricerca” a far sopravanzare ora l’elemento del significato su quello della proporzione movimentata delle masse sculturali. […] Se io faccio, ora, colonne chiaramente recise o tagliate (dopo quelle corrose e quindi spaccate, con una loro tensione intellettuale e insieme emotiva che fin qui le sosteneva), faccio una cosa che per me ora è facile. Inoltre: la via di ricerca che ritengo maggiore è ancora quella delle mie Onde o Negazioni di superficie riflettente. […] Faccio per questo uno spacco evidenziato che sta “monumentalmente fermo” un centesimo di secondo. E cioè: tento di esprimere il movimento in corso non riguardo a un elemento minimo parcellare, ma riguardo all’insieme-astratto. (E accanto ad esso, metto le distruzioni già esistenti, che risultano qui con un troncone e con un segmento nel quale il frammentario è confezionato con regolarità). Come dire: sento oggi un enorme e maestoso movimento di crollo (che è tale, enorme e maestoso, nel movimento in sé, nel movimento che viene impresso, non nella roba che crolla).

da: Arnaldo Pomodoro: un centesimo di secondo, catalogo della mostra, Milano, Studio Marconi, giugno 1971

Vuoi sapere di più su quest’opera?
Vai al Catalogue Raisonné online!

The Secular Society Tenute Lunelli Assic. Teglio di Paola Teglio e C. Snc Barabino&Partners SPA Fondazione Bracco Giuseppe Fontana Stefania Linari Braglia Parco Termale Negombo – Ischia hanno già scelto di sostenere la Fondazione

icon-angle icon-bars icon-times