Arnaldo Pomodoro
Rotativa di Babilonia, studio, 1991
bronzo patinato, ø 75 × 22,5 cm

Questa scultura mi è venuta in mente e nelle mani dopo un viaggio in Turchia nel 1991, con modi forse suggeriti da quelle frontiere: è una rotella, del diametro di metri 1,50 con tratti incisi nella striscia esterna circolare. Fatta rotolare su terreno morbido, come una ruota su fango fresco o su sabbia, la Rotativa traccia misteriosi e affascinanti segni, simili a quelli incisi nella creta dagli antichi sigilli mediorientali.
Arnaldo Pomodoro

Per la sua forma fondamentale la Rotativa assomiglia ai dischi e alle ruote create da Pomodoro negli anni Sessanta, ma nel concetto, e per l’ardita decisione di muovere i suoi ideogrammi sul bordo della ruota, lo scultore ha esplorato un nuovo territorio, rievocando nello stesso tempo alcune delle sue macchine teatrali più ispirate, progettate per le scenografie sulle rovine di Gibellina”.
Sam Hunter, 1995

Vuoi sapere di più su quest’opera?
Vai al Catalogue Raisonné online!

Arnaldo Pomodoro. To scratch, draw, write
a cura di Flaminio Gualdoni
Genova, ABC-ARTE
dal 20 maggio al 14 ottobre 2021

The Secular Society Assic. Teglio di Paola Teglio e C. Snc Giuseppe Fontana Parco Termale Negombo – Ischia Fondazione Bracco Marmi Lanza Srl hanno già scelto di sostenere la Fondazione

icon-angle icon-bars icon-times