Potrebbe interessarti

Share

Arnaldo Pomodoro
Sfera di San Leo, 1996-2000
fiberglass, ø 550 cm

La Sfera di San Leo, qui nella versione in fiberglass bianco, è molto diversa dalle precedenti sfere di Pomodoro. L’intera superficie della sfera è segnata con frecce, denti e crepe: sembra che l’erosione che ne divorava l’interno abbia minacciosamente raggiunto anche l’esterno, lasciando però emergere un’altra sfera, piccola e lucida, che rimanda all’idea di nascita e rinnovamento.
L’artista racconta: Ho realizzato quest’opera in occasione della mostra nella Rocca di San Leo dove era stato esposto un primo modello in fiberglass e polvere di ferro, mentre l’esemplare in bronzo è stato esposto per la prima volta nella mostra di Parigi del 2002. Dopo tanti interventi su questa forma, quella della sfera, non mi restava che ritornare all’inizio: pensando al Medioevo – la rocca di San Leo risale a quell’epoca – ho segnato la superficie della sfera con frecce, denti, tiranti, come memoria di un antico ordigno bellico. Non c’è più il contrasto tra la superficie splendente e liscia e il suo interno divorato da impronte e segni. Sembra che l’erosione abbia raggiunto anche l’esterno, con una presenza minacciosa ma dinamica, perché all’interno c’è un’altra sfera più piccola, polita e intatta, che tenta di emergere “comunicando all’insieme – come dice Jacqueline Risset – un’idea di nascita e di rinnovamento che sembra contraddire la catastrofe”.

Vuoi sapere di più su quest’opera?
Vai al Catalogue Raisonné online!

The Secular Society Assic. Teglio di Paola Teglio e C. Snc Giuseppe Fontana Parco Termale Negombo – Ischia Fondazione Bracco Marmi Lanza Srl hanno già scelto di sostenere la Fondazione

icon-angle icon-bars icon-times