Arnaldo Pomodoro
Tavola dei segni, 1957, II, 1957
piombo e legno, 34 × 51 × 5,5 cm

All’inizio del mio lavoro di scultura le mie opere erano piccole o medie: sono partito “imitando” le tavolette degli Ittiti e dei Sumeri, i papiri egiziani, e ho composto le mie Tavole dei segni e poi le Tavole dell’agrimensore con una fitta serie di segni, un tracciato di punti, nodi e fili, come una scrittura arcaica e illeggibile. Usavo materiali come il piombo, facile da fondere, e talvolta l’argento o l’oro, utilizzando una tecnica di sapore primitivo, conosciuta nella vecchia bottega di un orafo a Pesaro, la fusione con l’osso di seppia.

Arnaldo Pomodoro, 2009

Vuoi sapere di più su quest’opera?
Vai al Catalogue Raisonné online!

Arnaldo Pomodoro. To scratch, draw, write
a cura di Flaminio Gualdoni
Genova, ABC-ARTE
dal 20 maggio al 14 ottobre 2021

The Secular Society Assic. Teglio di Paola Teglio e C. Snc Giuseppe Fontana Parco Termale Negombo – Ischia Fondazione Bracco Marmi Lanza Srl hanno già scelto di sostenere la Fondazione

icon-angle icon-bars icon-times